TIPOLOGIA

Report

MACROAREA

Noi siamo Natura

Costruire il futuro

ANNO

2021

PUBBLICO

Ragazzi Adulti

LINGUA

Italiano

KEYWORDS

Fiume fiumi acqua dolce rivers corsi d'acqua Freshwater attività umana

ALLEGATI

Scarica il Report

LIBERIAMO I FIUMI | Report WWF 2021

I nostri fiumi non sono in buona salute e necessitano di una diffusa azione di riqualificazione per contribuire alla sicurezza dal rischio idrogeologico, aumentare la resilienza ai cambiamenti climatici, tutelare la biodiversità e riqualificare gli ecosistemi d’acqua dolce.

 

WWF Italia, Federazione Italiana Canoa Kayak e Spinning Club Italia hanno lanciato l’iniziativa di Citizen science “LiberiAmo i fiumi” per sensibilizzare sullo stato dei nostri corsi d’acqua. Volontari, canoisti e pescatori dal 22 marzo (World Water Day) al 26 settembre 2021 (World Rivers Day), hanno censito le barriere artificiali lungo molti corsi d’acqua. È stato così possibile integrare le 630.000 segnalazioni inserite nell’Atlante Pan-Europeo delle Barriere In-Stream del progetto europeo Adaptive Management of Barriers in European Rivers (AMBER).

 

In Europa sono state identificate 830 barriere, tra le oltre 600.000 censite, che sarebbe importante rimuovere e ad oggi sono state rimosse ben 111 tra dighe e traverse in Europa. In Italia ancora non si muove nulla ed è necessario redigere urgentemente un piano di ripristino ambientale, come richiesto dalla Strategia Europea per la Biodiversità, e un programma di rimozione di barriere.

 

Il Piano dovrebbe indicare come l’Italia intenda contribuire a ripristinare la connettività e a rimuovere opere obsolete per contribuire, con almeno 1600 km di fiumi riqualificati, all’obiettivo europeo di 25000 km entro il 2030. Il tempo per agire è quasi scaduto e per questo si ritiene che se da un lato sia necessario iniziare a rinaturalizzare i nostri fiumi, dall’altro lato è cruciale bloccare ulteriori interventi di mini-idroelettrico lungo i corsi d’acqua naturali ed evitare la costruzione diffusa di invasi, che aumentano la frammentazione del reticolo idrico superficiale e la vulnerabilità ai cambiamenti climatici del territorio.

 

Scopri di più sul progetto LiberiAmo i Fiumi