12/11/2021

Il respiro del mondo: piante in città fra pensiero e cura | ENEA

Il rapporto tra uomo e piante è mutato nei secoli e oggi, alla luce della moderna condizione umana, è sempre più evidente la necessità di una riforma del pensiero e del lessico che ne permetta la corretta espressione. L'incontro del prossimo 12 novembre, organizzato da ENEA, Università di Padova, Università degli Studi della Tuscia e LIPU, propone uno spazio di riflessione sullo sguardo dell'umanità sul mondo vegetale, da percorrere con approcci, competenze ed esperienze diverse.

Il Programma

 

Scopri il programma

 

  • 9.30 indirizzi di saluto

 

 

sessione 1
PIANTE CHE VIVONO – Le piante e gli alberi sono esseri viventi e senzienti. Sappiamo ancora poco sul loro comportamento, ma le ricerche disponibili ci fanno già capire che hanno sensi molto sviluppati e delle facoltà che possiamo definire “intelligenti”. Le piante permettono la vita sulla Terra a tutti gli animali (Homo sapiens incluso), perché attraverso la fotosintesi clorofilliana condizionano la presenza nell’atmosfera sia dell’ossigeno che dell’anidride carbonica.  Vi sono quindi sufficienti ragioni, sia di natura etica che pratica, per andare verso il riconoscimento giuridico dei diritti delle piante.

  • 10.00  titolo in corso di definizione  BARTOLOMEO SCHIRONE (Università degli studi della Tuscia)
  • 10.20 “Perché l’uomo non vede le piante?” – UMBERTO CASTIELLO  (Università degli studi di Padova)
  • 10.40 “Immerse nel mondo: piante in città fra oblio e progetto”  PATRIZIA MENEGONI  (ENEA) 

 

 

sessione 2
BENEFICI ECOSISTEMICI – Il verde riveste un ruolo strategico per la qualità urbana, assicurando un’ampia gamma di quelli che vengono definiti “servizi ecosistemici”. Questi sono i benefici che le piante offrono per la vita e il benessere psico-fisico delle persone (ambientali, sociali, economici).  La pianificazione del verde nelle città prevede strumenti di gestione, piattaforme utili per individuare le piante più adatte ai vari contesti (anche nell’ottica della promozione delle foreste urbane), e standard di certificazione.

  • 11.30 “Natura in città: il verde come componente dell’ecosistema urbano, fonte di benefici per la salute e l’ambiente” –  MARCO DINETTI (LIPU)
  • 11.50 … in corso di definizione … ANNA CHIESURA (ISPRA)
  • 12.10  “Potenzialità del verde urbano in un’ottica educativa e di promozione del benessere” –  FRANCESCA PAZZAGLIA (Università degli studi di Padova)
  • 12.30 La certificazione del Verde Urbano secondo lo standard PEFC  ELEONORA MARIANO (PEFC) 

 

 

sessione 3
QUANTO VIVE UN ALBERO? – Quanti anni vive un albero? 30, 100 anni, oppure ∞? Viene affrontato il complesso e delicato aspetto della sostituzione degli alberi in città, tramite il confronto degli esperti con i rappresentanti della filiera del verde e della società civile. Inoltre si presentano alcuni aspetti gestionali, quali le tecniche di potatura (che devono escludere quelle drastiche, come la capitozzatura) e i sistemi innovativi per risolvere i problemi delle radici superficiali. Prendendo come punto di riferimento il D.M. sui CAM (criteri ambientali minimi del verde urbano).

  • 14.30  titolo in corso di definizione …   FABIO SALBITANO (Università degli studi di Firenze)
  • 14.50 “La comprensione del linguaggio degli alberi per una loro corretta gestione in ambiente urbano” GIUSEPPE CARDIELLO (Vice presidente della Società Italiana di Arboricoltura onlus, Direttore della rivista scientifica “Arbor”)
  • 15.50-17.00 DISCUSSIONE GENERALE E CHIUSURA DEI LAVORI

     

 

La partecipazione è libera e gratuita, previa REGISTRAZIONE ON LINE